La Resistenza delle Donne

La Resistenza taciuta

Dal 1943 al 1945

70000 partigiane coinvolte nei Gruppi di difesa delle Donne

35000 quelle a cui a fine guerra fu assegnato il riconoscimento ufficiale di “partigiano combattente”

4653 arrestate, torturate

2812 fucilate, impiccate

1070 cadute in combattimento

2750 deportate in Germania

per la Libertà

19 (diciannove!) decorate al valor militare.

Erano donne, non uomini. E i guerrieri sono uomini, non donne. Infatti alle donne partigiane non fu permesso di sfilare nelle città liberate.

Fu quello della Resistenza il periodo di presa di coscienza.

Le donne erano relegate dal regime e da una mentalità perlopiù maschilista nella sfera familiare e domestica. Durante la guerra le fabbriche e gli uffici si riempirono di donne per svolgere lavori “da uomini” perché questi erano impegnati al fronte. Le donne svolsero quindi lavori che per legge (n. 321 del 1934) erano riservati esclusivamente agli uomini, fissando poi per concessione con il DL del 1938 il limite del 10 per cento per l’assunzione di personale femminile definendone ben benino, con il regio decreto 989 del ’39 quali fossero i lavori donneschi, cioè adatti alle donne.

La donna, inizia dunque il suo percorso di emancipazione, lavora, combatte.

E continua a combattere contro la discriminazione di genere, contro i soprusi maschilisti e le violenze sessiste che ancora oggi, 2023, affliggono le donne.

Per tutte le donne e per le nostre sorelle di tutti i Paesi del mondo: Libertà!!!

2 pensieri riguardo “La Resistenza delle Donne

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.